La meta era la cittadina di Piasco, sede della fabbrica e del Museo dell’Arpa Victor Salvi, da noi visitati, con concertino finale a nostro uso da parte di una giovane arpista. Poi visita guidata della bellissima Saluzzo, con il centro storico in tardo gotico piemontese. A seguire il castello della Manta con la sala baronale finemente affrescata (pitture trecentesche). E che dire di Cuneo, con le sue strade porticate, i bei palazzi, le grandi piazze e il suo centro storico risalente al XII secolo. Una sosta in una delle più famose pasticcerie per assaggiare i cuneesi al rhum ha accontentato anche il palato più raffinato. Un altro castello ci aspettava (quello del Roccolo a Busca) e poi a Caraglio per la visita al Museo del Setificio Piemontese, il filatoio più antico d’Europa, costruito nella seconda metà del 1600, perfettamente restaurato. Ben preparate le guide a nostra disposizione; a parte una leggera pioggerellina il primo giorno, poi il bel tempo ci ha concesso di ammirare la splendida corona delle Alpi con il Monviso svettante in un cielo blu cobalto.

 

By |2016-05-31T10:55:41+00:00ottobre 12th, 2015|Diario di Viaggio|0 Comments

Leave A Comment